venerdì 17 agosto 2012

VALLE DEI DOSSI (I) – PASSO DI GOLA - ARVENTAL (A)


La valle Arvental, parte del territorio delle Alpi Pusteresi o Defereggen Alpen in lingua originale, è situata nel Parco Nazionale degli Alti Tauri (Hohe Tauern), in territorio austriaco e più precisamente nel Tirolo orientale. E' facilmente raggiungibile anche a piedi, grazie a una comoda e larga strada sterrata che parte direttamente dal parcheggio di Riva di Tures situato proprio all'ingresso della Valle di Dossi (Knuttental).

Prima parte del sentiero all'ombra
Il tratto di sentiero che dovremo attraversare non sarà di grande difficoltà, ma comunque piuttosto lungo, circa 7 chilometri ed altrettanti al ritorno, per cui abbiamo previsto  una partenza leggermente anticipata rispetto al solito.

Anche le mucche ci indicano la corretta via...
La prima parte di cammino si presenta praticamente pianeggiante; oggi è una giornata stupenda, nemmeno una traccia di nuvole e il cielo è di un colore blu davvero unico! La temperatura, invece, è ancora piuttosto fresca, d'altronde sono le 9 del mattino e il sentiero in questa parte rimane ancora quasi completamente all'ombra.

In lontananza ci appare già la malga dei Dossi
Dopo circa mezz'ora davanti a noi in lontananza possiamo già vedere il maso che ospita il punto di ristoro Knuttenalm, la malga dei Dossi, che prende il nome dall'omonima valle.


Raggiungiamo la malga dei Dossi in poco meno di un'ora di cammino, siamo a quota 1870 metri di altitudine, e senza fatica alcuna siamo saliti di circa 200 metri di dislivello.

Malga dei Dossi - Knuttenalm
Il nostro primo traguardo sarà raggiungere il lago di Gola (Klammlsee), a quota 2250, quindi ancora circa 400 metri più in alto. Per chi volesse invece fare un bel giro ad anello meno lungo, poco prima di raggiungere la malga Knuttenalm si incrocia il sentiero 1A, che porta attraverso una salita non impossibile all'altro punto di ristoro della valle, la malga Dura (Durraalm), per poi ridiscendere al parcheggio di Riva di Tures.

Vista del sentiero in direzione di Riva di Tures

Noi proseguiamo sempre sulla larga mulattiera che porta prima al lago e successivamente al Passo di Gola (Klammljoch), che segna il confine con l'Austria. Abbandoniamo il sentiero principale solo per brevi tratti nella parte finale, giusto per evitare alcuni larghi tornanti attraverso alcune scorciatoie.

Arrivo al Lago di Gola (Klammlsee)
In circa due ore e mezza raggiungiamo il bel lago di Gola, tutto attorniato da verdi prati e da una collinetta sulla quale fa capolino una casermetta ora disabitata che fino a qualche decennio fa fungeva da distaccamento della guardia di finanza.

Panorama del lago di Gola dal sentiero che porta al passo
Oltrepassando il lago, infatti, il sentiero raggiunge in poche centinaia di metri quello che anni fa era il confine di stato, segnato ancora adesso da una grande sbarra verticale. Prima di raggiungere il confine, alla nostra destra sono ben visibili alcune postazioni militari risalenti ai tempi della guerra mondiale.

Passo di Gola (Klammljoch), confine di stato
Siamo a quota 2294 metri di altitudine, e da qui in poi siamo in territorio austriaco, nel parco nazionale degli Alti Tauri. Il panorama è meraviglioso, e il cielo coloratissimo e sgombro di nuvole contribuisce a renderlo ancor più affascinante.

L'insegna che ci indica l'ingresso ne l Parco Nazionale degli Alti Tauri
Come siamo saliti fino al Passo di Gola, ora la stradina sterrata scende in direzione della valle Arvental; a un quarto d'ora di facile cammino in discesa, perdendo circa 100 metri di quota, troviamo la bella malga Arvental, o Affentalalm, come la chiamano da queste parti.
E' qui che ci fermeremo a fare uno spuntino: sono ormai tre ore che siamo in cammino, e la fame comincia a farsi sentire.

Il bel panorama dalla malga Arvental in direzione del passo di Gola
 La malga Arvental è davvero da provare: situata in una conca erbosa e in mezzo praticamente al nulla, qui troviamo, oltre alla gentilezza dei gestori, per la gioia ed il divertimento dei nostri bambini un grande cortile pieno di animali, dai maiali alle papere, asinelli e mici, oltre ovviamente alle mucche da latte. Qui, infatti, potrete comprare o gustare i derivati prodotti direttamente in loco, ad esempio il famoso Graukäse, il formaggio grigio di malga e il burro; il tutto ovviamente condito con un bel sottofondo di musiche tirolesi (..e quali se no?)


Panorama della malga Arvental
Noi ci lasciamo convincere ad assaggiare un piatto tipico della regione, ovvero il Melchamuis; si tratta di una specie di frittatona senza uova, come unici ingredienti burro, farina e latte, il tutto servito nelle tradizionali e caratteristiche padelle. Vale davvero la pena di provarlo almeno una volta: se siete affamati arriverete alla fine della padella incredibilmente sazi! Chi fosse interessato alla ricetta e conosce il tedesco può trovarla QUI

Melchamuis servito nelle tradizionali padelle
Barbara si diverte un mondo con gli animali da cortile, e noi pazientiamo ancora un po', prima di riprendere dapprima il sentiero in salita che ci riporta al Passo di Gola, quindi il prosieguo in discesa, che passando attraverso il lago di Gola e successivamente alla malga dei Dossi, ci riporta in un paio d'ore abbondanti al parcheggi di Riva di Tures.

La malga Arvental, che abbiamo abbandonato, ci appare così dal sentiero
Gita un po' lunga ma abbastanza facile, assolutamente priva di rischi svolgendosi tutto il percorso su ampia mulattiera. Molto adatta anche agli appassionati della bici!

Lago di Gola
In breve:

Partenza:  Riva di Tures, parcheggio 1690 s.l.m.
Arrivo: Lago di Gola (Klammlsee) 2243 s.lm.
             Passo di Gola (Klammljoch) 2294 s.l.m.
             Arvental Alm (Affental Alm) 2189 s.l.m.
Posti ristoro: Malga dei Dossi, Arvental Alm
Dislivello andata e ritorno fino alla malga Arvental: circa 650 metri
Distanza complessiva andata e ritorno: circa 14 Km
Tempo impiegato: Andata 3 ore, ritorno 2 ore abbondanti


Aggiornamento Giugno 2013:
Due amici di montagnapertutti ci hanno inviato queste due bellissime foto del Passo di Gola ancora innevato!
Le foto risalgono al 13 giugno, per la precisione. Un grande ringraziamento a Tiziano e sua moglie Daniela di Verona!













3 commenti:

  1. would be a great memory in your life. Hope that you would happy everyday. Reading the post make me recall my childhood also full of joy and laugh. Welcome to speak out your mind toward my freshwater pearl jewelry and freshwater pearl
    bracelet

    RispondiElimina
  2. Ciao,

    ci sono andato ieri (13/6/2013) con la mtb....e siamo arrivati fino a 1 km dal passo...poi per causa di neve sulla forestale siamo proseguiti a piedi. Al passo abbiamo trovato circa 1 mt di neve.
    Il paesaggio e la giornata sono stati stupendi.

    Compliementi per il blog.

    Ciao ..Tiziano
    (Verona)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fantastico Tiziano, se hai qualche foto del passo innevato e me le puoi fare avere le aggiungo volentieri in questo post

      Elimina